Eventi social

Ello: il social network d’élite che contrasta Facebook

Ello social network

Il buzz corre veloce online e vi sarà capitato di assistere nei commenti allo status su Facebook di qualche amico a una compravendita di inviti per il nuovo social network :Ello. Una moda passeggera? Come mai tutti desiderano fare parte di questo club esclusivo accessibile solo tramite invito? (ricordate che anche Gmail era a invito anni fa?).

Ello è un social network ads-free, molto stiloso, che si è imposto sulla scena digital negli ultime settimane e che, come molti servizi digitali, nasce per colmare un bisogno: quello giocoso di fingersi qualcun altro sul web (quando non arriva a toccare punte di illegalità) e avere nomignoli e nickname invece del proprio nome e cognome.

Facebook è intervenuto sui profili di alcune Drag Queen e musicisti chiudendo gli account di chi non è voluto passare dal nickname al nome reale, questo ha provocato una vera e propria insurrezione nella community LBGT, ma anche tra gli artisti che utilizzavano Facebook quasi come una declinazione dei loro portfolio personali.

Ello è un mix tra Tumblr per le grafiche e il minimalismo, Facebook per il mix di contenuti, Myspace per la creatività… un po’ di tutti i social network in un unico social acclamato soprattutto dai designer che ne adorano lo stile essenziale.

Ai miei occhi Ello prima ancora che un social network è un esperimento sociale e artistico: date uno sguardo a profili come quello di Tom di Myspace o Mark di Facebook, un concentrato di cultura pop e digital.

Il modello di business è Freemium (ci saranno alcune funzioni aggiuntive) e i dati degli utenti non saranno condivisi ai fini pubblicitari, non male potersi rilassare un po’ a proposito della propria privacy, no?

Ello ha raccolto 435K dollari da Fresh Tracks Capital, ma i founder affermano però di essere liberi da qualsiasi tipo di compromesso economic0.

Se siete curiosi leggete il Manifesto, che ne pensate?

 



Hai un nuovo evento da creare?

Prova Metooo

Inserisci la tua email per ricevere la nostra newletter settimanale


comments powered by Disqus